Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

LA MAPPA DELLA RIORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ SANITARIE NEL TERRITORIO DI CATANIA

Categoria: News

CATANIA - Nell’ottica di un piano complessivo di rilancio, ottimizzazione e razionalizzazione dei servizi dell’Azienda sanitaria provinciale etnea, negli ultimi mesi sono stati effettuati i trasferimenti di alcuni ambulatori medici specialistici con l’obiettivo di aggiornare la proposta organizzativa nelle sedi ricadenti nell’ambito del territorio catanese.
Da martedì 12 gennaio saranno operativi in via Cifali 76/B gli ambulatori di “Ecografia”, “Ecocolordoppler”, e “M.O.C.; mentre nel presidio di San Giorgio/Librino saranno attive le specialità di “Radiologia”, “Ecografia”, “Medicina dello Sport” ed “Ex C.P.A.” (pneumatologia): attività che prima venivano effettuate presso il Poliambulatorio di via Santa Maria la Grande 5.
Il direttore generale dell’Asp Catania Giuseppe Calaciura – coadiuvato dal direttore sanitario Domenico Barbagallo - comunica inoltre agli utenti che domani e dopodomani, ovvero lunedì 11 e martedì 12 gennaio 2010, sarà sospeso il Servizio di vaccinazione (prima attivo negli ambulatori di S. M. La Grande), per consentire le ultime fasi di trasloco presso il presidio di via Cifali, che con quest’ultima tappa vedrà ultimata e completata l’offerta sanitaria prevista dal Piano di rimodulazione. All’interno dell’immobile che si trova nel quartiere di Cibali (nei pressi dello stadio) sono inoltre dislocati - oltre agli ambulatori specialistici - gli uffici del Distretto Catania 1, la neuro psichiatria infantile, il consultorio familiare e la farmacia territoriale.
All’interno dell’immobile di Santa Maria La Grande, invece, verrà ottimizzata la dislocazione degli uffici della direzione generale, sanitaria e amministrativa: negli spazi liberati verranno allocati, inoltre, il Settore del Personale, il Provveditorato-Economato e l’Ingegneria informatica in atto ubicati a Gravina.
Gli interventi già attuati consentiranno così una capillare e più omogenea distribuzione dei servizi: i nuovi assetti saranno funzionali alla nascita dei “PTA” (presidi territoriali di assistenza), che coincideranno con gli ambiti territoriali degli attuali distretti e che - insieme ai presidi ospedalieri dislocati nel territorio provinciale - rappresenteranno i centri di produzione dei servizi distrettuali sanitari e socio-sanitari, in cui la domanda di salute viene affrontata in modo globale. «Il tutto – sottolinea Calaciura - nell’ottica di una risposta che mira alle reali esigenze dell’utenza, nella logica del principio di adeguatezza delle prestazioni e di un’offerta più razionale e meno razionata».
Per migliorare la qualità delle strutture e degli ambienti, queste operazioni sono state accompagnate da un Piano degli investimenti strutturali, già avviato dall’ex direttore generale Antonio Scavone, che ha compreso la messa a norma dell’ex CPA di Catania, in via Sardo, e dell’edificio “Villermosa” in via Bambino, dove sono attualmente ubicati il Settore Materno Infantile e l’Educazione alla Salute.

10 gennaio 2010 (a.l.r.)

Catania, 11/01/2010

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA