Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

CALTAGIRONE, NESSUN “TAGLIO” AL SANTO PIETRO 8 POSTI LETTO DI LUNGODEGENZA IN PIU’ GIÀ ATTIVI

Categoria: News

CALTAGIRONE - In riferimento alla contestazione sollevata dal presidente del Consiglio comunale di Caltagirone Fortunato Parisi, riguardante il piano di riorganizzazione aziendale e il “paventato” taglio di 52 posti letto presso l’Ospedale Santo Pietro di Caltagirone, il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale etnea Giuseppe Calaciura, ci tiene a precisare che «i dati diffusi non corrispondono a verità e creano soltanto confusione e una distorsione della realtà del sistema sanitario calatino. Infatti, dei 96 posti previsti con il decreto del 4 luglio 2003 per la riabilitazione, nel corso degli anni ne sono stati attivati soltanto 64, pertanto la nuova gestione Asp non sta apportando nessuna modifica rispetto all’attuale configurazione, né tanto meno sta contraendo i posti letto già esistenti, così come ha detto il dott. Parisi parlando di “contraddizioni” all’interno dell’atto programmatico. Analogamente per quel che riguarda la lungodegenza, dobbiamo specificare che dei 32 posti previsti con il medesimo decreto, ne sono stati attivati soltanto 16, così come dai dati ufficiali certificati dall’Agenas a conclusione del 2008. La tanto contestata rimodulazione ne prevede invece 24, quindi nessun taglio, ma un incremento e potenziamento del reparto di lungodegenza».
Secondo quanto riportato, dunque, non essendo prevista alcuna contrazione di posti letto, vengono anche fugate le preoccupazioni dei lavoratori che attualmente operano con grande efficienza nel presidio di Caltagirone.

21 gennaio 2010 (a.l.r.)

Catania, 22/01/2010

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA