Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

CALTAGIRONE, ATTIVATO NUOVO ANGIOGRAFO AL “GRAVINA”

Categoria: News

CALTAGIRONE - Attivo il nuovo angiografo al “Gravina”. Nel corso della mattinata di ieri è stato effettuato il primo intervento di duplice angioplastica su by-pass con il nuovissimo e modernissimo apparecchio. «Si tratta di un angiografo altamente sofisticato - spiega Giuseppe Calaciura, direttore generale Asp Catania - che potenzia l’UOS di Emodinamica ed il servizio cardiologico dell’Ospedale “Gravina”. Un primo traguardo è stato quindi conseguito, adesso provvederemo ad integrare le risorse professionali necessarie per garantire il servizio h24».
«Abbiamo attivato uno strumento che rappresenta il top di gamma - afferma Salvatore Privitera, coordinatore sanitario del Distretto integrato del Calatino - la qualità delle immagini, le proprietà tecniche fanno di questo angiografo quanto di meglio possa offrire attualmente il mercato. Siamo soddisfatti che una risorsa di questo tipo abbia impreziosito il parco tecnologico del nostro Ospedale. Sono sicuro che sapremo soddisfare i cittadini nelle loro aspettative di salute e benessere».
Con l’attivazione del nuovo strumento sono due gli angiografi di cui è dotata l’UOS di Emodinamica: questo consente di alzare gli standard di sicurezza per i pazienti e la capacità di risposta in emergenza-urgenza.
L’angiografo consente una migliore risoluzione visiva e di ridurre le quantità di mezzo di contrasto utilizzate. È inoltre dotato di tecnologia flat panel che permette di moderare il carico di radiazioni al paziente. I software di elaborazione delle immagini favoriscono, inoltre, importanti analisi sulle patologie vascolari garantendo una più precisa analisi quantitativa delle stenosi. Uno strumento sofisticatissimo che permette di trattare anche le patologie vascolari periferiche.
Per il funzionamento il personale è stato preventivamente addestrato in un centro qualificato. L’intervento di ieri mattina, condotto dal dott. Bruno Francaviglia, coadiuvato dal dott. Daniele Giannotta e dall’equipe infermieristica, è stato effettuato con la supervisione di ingegneri esperti delle ditte fornitrici. «Siamo orgogliosi e soddisfatti per il risultato raggiunto - spiega Francaviglia - abbiamo attivato la sala solo dopo avere verificato tutti i requisiti di sicurezza e di qualità. Con la doppia sala, la nostra Emodinamica possiede tutti i requisiti strutturali previsti dal Piano sanitario regionale e dalla Società scientifica di cardiologia invasiva».
Con l’attivazione del nuovo angiografo migliora anche il trattamento dei pazienti infartuati in Ospedale: «Il trattamento del paziente infartuato che accede all’Ospedale “Gravina” prevede sempre il rispetto rigoroso di procedure di rivascolarizzazione consolidate (sia farmacologiche, sia con angioplastica) che garantiscono un appropriato intervento - dichiara Giacomo Chiarandà, direttore dell’UOC di Cardiologia – è importante, in ogni caso, che il paziente giunga in Ospedale tempestivamente. La presenza delle risorse tecnologiche, strutturali e professionali delle quali siamo dotati completano, al più alto livello, il piano di servizi cardiologici del nostro Ospedale, proponendoci come interlocutori autorevoli nella rete per l’infarto».

20 luglio 2011 (alr)

Catania, 22/07/2011

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA