Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

ACIREALE, LA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SI COLORA DI ARTE

Categoria: News

ACIREALE – Altezza imponente, colori vivaci e spirito giocoso: i pannelli murari decorativi che da oggi sono esposti nei corridoi dell’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell'Ospedale S. Marta e S. Venera di Acireale, catturano con simpatia l'attenzione dei piccoli pazienti del reparto. Vere e proprie opere artistiche realizzate dagli studenti del Liceo Artistico “Filippo Brunelleschi”, e premiate dall'Asp di Catania per aver centrato in pieno l'obiettivo del progetto "Dipingiamo un sorriso": rendere più accogliente e meno ostile l'ambiente ospedaliero per i bambini e le loro famiglie.
Questa mattina infatti il direttore del presidio ospedaliero acese Salvatore Scala - alla presenza dei direttori del Dipartimento Salute mentale Giuseppe Fichera e dell’Unità di Neuropsichiatria Infantile Milena Sidoti - ha consegnato le targhe ricordo agli studenti protagonisti, accompagnati dal vicepreside del Liceo Brunelleschi Antonino Costa, e dai docenti coordinatori del progetto Loredana Fiorito e Giuseppe Tomasello. «Non posso che lodare questa iniziativa - ha commentato il direttore Scala - il lavoro di realizzazione è durato quasi due anni scolastici e il risultato, che adesso è sotto gli occhi di tutti, rende veramente merito ai suoi giovanissimi autori. La sinergia tra l'Unità di Neuropschiatria e il Liceo Artistico è un chiaro esempio di fattiva collaborazione tra l'ospedale acese e il suo territorio». Il fine di questa progettualità comune è stato ribadito inoltre dai direttori Fichera e Sidoti: «Ci auguriamo che "Dipingiamo il sorriso" sia il capofila di altri progetti tra il nostro Dipartimento e l'Istituto artistico, d'altronde i benefici non sono solo per i piccoli pazienti qui in degenza, ma anche per gli studenti che si sono impegnati, perché hanno avuto modo di confrontarsi con una realtà diversa vissuta da loro coetanei».

22 febbraio 2012 (alr)

Catania, 23/02/2012

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA