Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

CASE DI CURA PRIVATE, ASSEGNATI BUDGET PER IL 2012

Categoria: News

CATANIA – Qualità ed efficienza delle prestazioni sanitarie, nel quadro del contenimento della spesa: questi gli obiettivi strategici prefissati dal Commissario Straordinario dell’Asp Catania Gaetano Sirna, dal presidente Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) Ettore Denti e dal rappresentante di Confindustria Catania (Sezione Sanità) Giuseppe Giuffrida, che questa mattina – martedì 31 luglio – hanno siglato i contratti di assegnazione dei budget alle Case di Cura per l’anno 2012.
Un accordo raggiunto a seguito di una lunga contrattazione tra l’Azienda sanitaria provinciale etnea e i rappresentanti delle strutture accreditate con il Sistema sanitario regionale: «Una trattativa particolarmente delicata – spiega Sirna – perché avviata nell’ambito dell’azione di riorganizzazione del sistema e del contenimento dei costi. In questo contesto, con gli erogatori privati, abbiamo comunque trovato una strategia condivisa che ha già portato e sicuramente porterà risultati tangibili sul territorio».  
L’aggregato di spesa provinciale fissato è di 153 milioni e 652mila euro: «Nonostante il decreto dell’assessore regionale della Salute del 4 giugno 2012 abbia stanziato risorse inadeguate alle effettive esigenze del comparto dell’ospedalità privata, che risente in modo particolare dei gravi effetti della crisi economica – sottolinea Denti – abbiamo raggiunto un’intesa che rappresenta un importante momento di crescita della sanità catanese. Con l' Asp, in particolare in quest’ultimo periodo, abbiamo instaurato un'ottima collaborazione che ci ha permesso di creare, con ottica moderna, una rete che, attraverso un confronto continuo e costruttivo, mette insieme tutti i servizi e ha come obiettivo la centralità del paziente. La nuova organizzazione del settore amministrativo e sanitario dell’Asp ha reso tutto il meccanismo più fluido e le aziende dell'Aiop, da me rappresentate, sono molto soddisfatte dell'attenzione data per ridurre i tempi di pagamento».
Riduzione del tasso di ospedalizzazione dei ricoveri per acuti a fronte di un aumento del ricorso a setting assistenziali alternativi; diminuzione dell’incidenza dei parti cesari primari; aumento del peso medio e quindi delle qualità delle prestazioni sanitarie; accordo per il ricovero dei pazienti provenienti dai Pronto Soccorso per decongestionare gli ospedali pubblici, spesso sovraffollati: sono questi, in breve, i punti più qualificanti dell’Accordo, siglato alla presenza del direttore Amministrativo dell’Asp Sabrina Cillia, del direttore dell’Unità Operativa Complessa Acquisizione e gestione prestazioni sanitarie Concetta Colmet e del direttore dell’Ospedalità privata Maria Teresa Nisi.

«Insieme ai rappresentanti delle 22 case di cura presenti sul territorio – conclude Sirna - abbiamo cercato di organizzare al meglio la piattaforma di prestazioni sanitarie soprattutto nel settore delle acuzie, per l’adozione di un modello organizzativo “virtuoso” che mira alla razionalizzazione delle spese. Il sistema catanese delle case di cura è evoluto ed equilibrato nell’articolazione delle varie branche: l’accordo sottoscritto in data odierna consentirà di innalzare ulteriormente i livelli di appropriatezza ed efficienza nelle prestazioni, contribuendo a creare un’interfaccia pubblico/privato ancora più dinamica».

31 luglio 2012

Catania, 01/08/2012

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA

 
* 


https://www.aspct.it/imghome/banner_percorso_vaccinale_img-20210628-wa0000.jpg >



                         https://www.aspct.it/privacy/documenti/2021/20210114/privacy.jpg

                     

                      

                     https://www.aspct.it/imghome/logo.png
                     https://www.aspct.it/imghome/banner_comitato_consultivo_aziendale_2013.gif

https://www.aspct.it/imghome/logo_sinop_per_link.jpg  

Cersiquo