Asp Catania » Comunicazione » Comunicati Stampa

ACCOGLIERE PER EDUCARE: SEMINARIO SU “EMPOWERMENT E SALUTE MENTALE”

Categoria: News

ADRANO - Terzo appuntamento del progetto “Accogliere per educare”, che il Dipartimento salute mentale (Dsm) di Adrano/Bronte dell’Asp Catania e i Servizi sociali del comune di Adrano stanno portando avanti con l’obiettivo di stimolare l’accoglienza verso la diversità e il disagio mentale. Domani, venerdì 6 novembre alle ore 9.00, il Palazzo Bianchi ospiterà il seminario di studi "Empowerment e Salute mentale", che trae spunto dalla pubblicazione curata dal dott. Ettore Straticò, psichiatra responsabile dell’ospedale psichiatrico-giudiziario di Castiglione delle Stiviere di Mantova. Si tratta di un manuale destinato agli operatori del settore, nato anche grazie al lavoro svolto sul campo, che lo stesso autore avrà modo di esporre durante il seminario. Dopo i saluti del direttore generale Asp Catania Giuseppe Calaciura, del sindaco di Adrano Giuseppe Ferrante, dell’assessore comunale ai Servizi sociali Agatina Di Primo, e del direttore del Dsm di Adrano/Bronte Carmelo Florio, a introdurre sarà Roberto Pezzano, medico psicologo del Dsm Ct 7.

Una corretta informazione sui disturbi mentali e la sensibilizzazione dei cittadini sono le linee guida del progetto: lo stesso termine empowerment indica il “potenziamento cognitivo”, ovvero capacitazione, padronanza, autodeterminazione, allargamento delle possibilità, progettualità generativa della persone, e acquista maggiore valore se integrato a discipline come la psichiatria.
Un percorso che si concentra sulla centralità delle persone, che pur in una condizione di “diversità” e limitazione, vivono in una rete di relazioni sociali e, attraverso la narrazione del proprio percorso, possono così superare la malattia e il disagio.

Dopo la relazione del dott. Straticò, seguiranno gli interventi programmati e liberi di familiari, utenti, operatori e cittadini. Le conclusioni del seminario saranno affidate al Capo Settore Salute Mentale Asp Catania Tommaso Federico.

5 novembre 2009 (a.l.r.)

Catania, 06/11/2009

a cura:
dell'UFFICIO STAMPA